giovedì 23 agosto 2012


Hawke's Bay - Auckland 29 - 36
Inizio fantastico della TIM Cup con un incontro pieno di emozioni che ha visto alla fine prevalere il cinismo di Auckland contro i volenterosi padroni di casa.
Quasi perfetta la gara dei calciatori: Waenga per Hawke's Bay e Anscombe per Auckland, alla fine 5 piazzati e 2 conversioni per il primo, 5 e 3 per il secondo. Primo tempo inizialmente dominato dagli ospiti che vanno in vantaggio dopo soli 2 minuti e allungano al 6'. Al 20' la prima meta dell'incontro, segnata dal pilone ospite Charlie Faumuina di potenza, sfruttando un buco enorme della difesa di Hawke's Bay. Al 34' la seconda meta degli ospiti su azione in solitario di Lam, che ricopre un suo calcio a seguire e va a schiacciare in meta: anche qui difesa colpevole. Il primo tempo si conclude sul 9 - 26 dopo l'ennesimo calcio piazzato a segno di Anscombe.
Durante la pausa l'allenatore di Hawke's Bay deve essersi fatto sentire negli spogliatoi, infatti alla ripresa del gioco i bianconeri  padroni di casa sono apparsi trasformati. Già al primo minuto Horrell è anadato in meta concludendo dopo un'ottima azione di squadra resistendo al tentativo di placcaggio di ben 5 difensori, Waenga trasforma, 16-26. Dopo 5 minuti Waenga trasforma un'altro calcio piazzato, questa volta per un placcaggio pericoloso. Al 53' seconda meta, ottimo calcio di Zac Guilford, l'altra ala, Nemani mette sotto pressione il ricevitore ospite che si rifugia in touche; rimessa battuta veloce e palla a Timu che va a schiacciare. Trasforma ancora Waenga e parità.
Hawke's Bay si porta addirittura in vantaggio al 18' con un piazzato di Waenga, purtroppo per i padroni di casa, l'ultimo. Infatti gli ospiti si riprendono dalla fase si pressione dei padroni di casa e, grazie ad Anscombe pareggiano e poi, con Matthewson al 34' fissano il risultato sul 29 - 36 finale, grazie alla trasformazione dell'ottimo Anscombe.
Se il buon giorno si vede dal mattino, anche quest'anno la ITM Cup offrirà agli appassionati un ottimo spettacolo.
Una nota sulle nuove regole, la nuova sequenza in mischia non ha inciso più di tanto, ed ha anzi talvolta confuso le prime linee. Al contrario si sono visti chiaramente i vantaggi della nuova regola in ruck: l'arbitro ed entrambe le squadre l'hanno interpretata e messa in pratica perfettamente, evitando quelle odiose perdite di tempo dei mediani di mischia, soprattutto a fine partita, prima di riciclare la palla dalla ruck.

Scrito da Diego Ghirardi Il 8/23/2012 10:33:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog