domenica 21 ottobre 2012

Nei sei incontri di Heineken Cup giocati Sabato vittorie esterne per Leinster, Toulouse e Clermont. Non male le italiane, nonostante le prevedibili sconfitte.

Gruppo 5:

Scarlets – Leinster 13 – 20: sconfitta pesante per i gallesi che contro i campioni in carica del Leinster in casa, i gallesi perdono così l’occasione per rimanere aggangiati alla testa della classifica. Partono forte gli ospiti, al piazzato di Jonny Sexton al 2’segue la meta di Isa Nacewa all’8’ ed un altro piazzato di Sexton al 20’. Il primo tempo si chiude con gli ospiti in vantaggio, 0-11 il parziale. Nella ripresa la razione degli Scarlets con un piazzato di Priestland al 7’minuto e una meta di Gareth Maule al 14’ che permettevano loro di portarsi ad un solo punto di distanza dal Leinster. Ma dal piede di Sexton arrivavano altri nove punti, due piazzati ed un drop che rimettevano la vittoria nelle mani dei campioni in carica. Un piazzato di Priestland allo scadere assicurava il bonus difensivo agli Scarlets.

Exeter – Clermont 12 – 46: altra vittoria con bonus per i francesi che si consolidano in testa alla classifica del girone grazie ad un ottimo secondo tempo dopo che i padroni di casa avevano chiuso il primo in vantaggio per 12-10. Tutti i punti per i chiefs sono giunti dal piede di Gareth Steenson, ma dopo essere stati in vantaggio per 12-7 al 25’ gli inglesi non sono riusciti a metter punti sul tabellone, mentre i francesi dopo la meta iniziale di Napolioni Nalaga al 17’, hanno attraversato la linea di meta per altre cinque volte nel secondo tempo con Wesley Fofana all’8’ ed al 33’, Julien Bonnaire all’11’, Sitiveni Sivivatu al 31’ ed infine con lo stesso Nalaga allo scadere del tempo.

Gruppo 3:

Connacht – Harlequins 22-30: continua la marcia dei campioni inglesi che vincono a Galway contro un Connacht combattivo. Primo tempo ricco di segnature per entrambe le squadre, al piazzato iniziale di Ben Botica replica una meta di Dave McSharry per il Connacht al 6’, Dan Parks e Ben Botica si scambiano il ruolo di cecchino dalla piazzola fino alla mezz’ora quando, sul risultato parziale di 19-9, il mediano di mischia dei quins Danny Care sale in cattedra e va in meta per due volte, creando il break decisivo per gli ospiti che da lì non guarderanno più indietro per chiudere la gara in vantaggio.

Biarritz – Zebre 38 – 17: dopo un inizio di stagione senza troppe soddisfazioni i baschi si rifanno con una bella prestazione coronata da sei mete contro la squadra federale italiana. Le Zebre hanno comunque impensierito i padroni di casa con piazzati di Daniel Halangha e Gonzalo Garcia e sono state capaci di chiudere il primo tempo sul 19-9. Zebre anche in meta a giochi oramai conclusi con il numero 8 Dries van Schalkwyk. Per il BO mete di Fabien Barcella al 5’, Yann Lesgourgues al 10’ e di Taku Ngwenya al 17’del primo tempo e nel secondo tempo con Pelu Taele al 5’, ancora Lesgourgues al 12’ed infine Arnaud Heguy al 19’.

Gruppo 2:

Treviso – Toulouse 21 – 33: il piede di Kristopher Burton fa sognare nel primo tempo i leoni che con una prova gagliarda chiudono la frazione invantaggio 18-9. Ma nel secondo tempo una serie di cartellini gialli e la miglior classe dei francesi decidono la gara. Dopo che Burton e McAllister avevano portato il risultato sul 21-12 con altri due piazzati, Toulouse in meta tecnica al 13’ e poi al 18’con Louis Picamoles quando Manoa Vosawai aveva raggiunto Robert Barbieri sul banco dei cattivi. Al 23’era poi Vincent Clerc a fissare il risultato sul 21-33 finale con la meta decisiva. Ancora una volta leoni vicini all’impresa e Toulouse incerta, la disciplina è forse ora l’aspetto sul quale Franco Smith deve concentrare i suoi sforzi.

Gruppo 1:

Saracens – Racing Metro 30 – 13: nella gara giocata a Brussell i Saracens hanno avuto la meglio sul Racing grazie ad una prestazione solida per tutta la gara. I francesi infatti si sono svegliati solo nel finale quando i Saracens avevano oramai la gara in pugno. Per gli inglesi mete di Chris Wyles al 21’, del capitano Steve Borthwick al 28’ e di Will Fraser allo scadere. Per il Racing in meta l’argentino Juan Imhoff al 21’del secondo tempo

Scrito da Diego Ghirardi Il 10/21/2012 12:16:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog