martedì 1 gennaio 2013

Gli Ospreys vincono anche contro i Dragons e proseguono la loro rincorsa in classifica. La gara di Newport, l'ultima del 2012 per il Pro12, non passerà certo alla storia come una delle migliori gare della stagione.
Gli ospiti hanno fatto il minimo per aver ragione dei Dragons, due mete ai lati dell'incontro sono state sufficienti in una serata bagnata dalla pioggia.
Al 3' la prima meta è arrivata dal ventenne talento Eli Williams, che già castigò il ben più quotato Toulouse in Heineken Cup. Williams è andato a schiacciare nell'angolino sinistro evitando sia il tentativo di placcaggio che una bottiglietta d'acqua posta proprio sulla linea, il replay ha mostrato che l'ala gallese è riuscito a toccare in meta prima di uscire dal terreno di gioco, Dan Biggar ha aggiunto i due punti supplementari.
La reazione dei padroni di casa è arrivata subito e dopo un tentativo sbagliato al 5', Tom Prydie ha messo a segno gli unici tre punti del Newport-Gwent grazie ad una punizione avanzata di dieci metri da Nigel Owens, non in vena di chiacchiere con Fotuali'i.
I Dragons hanno continuato a fare gioco, ma hanno mancato di concretezza, qualità che non è mancata agli ospiti che quando hanno avuto la palla in mano sono sempre stati pericolosi, Biggar ha però mancato due occasioni per aumentare il vantaggio prima della fine del primo tempo.
La ripresa sarebbe potuta iniziare come si era avviata la prima frazione di gioco se un rimpallo non avesse concesso a Jonathan Evans di arrivare a smanacciare la palla che Eli Williams avrebbe certamente raccolto in meta.
Da lì alla seconda meta della squadra di Swansea non è successo molto: tanti calci, diversi palloni persi e tanto vociare che ha innervosito ancor più un Nigel Owens come al solito poco propenso ad accettare il parere dei giocatori riguardo alle sue decisioni.
Si capisce che una partita non è un gran ché quando è un pilone - Adam Jones - a calciare : screenshot S4/C
La seconda meta degli Ospreys è arrivata al 21'in maniera decisamente fortuita, Biggar ha stoppato un calcio di Robling ed il pallone è arrivato tra le braccia di Ashley Beck, il nazionale gallese non ha dovuto far altro di appoggiarlo a terra in area di meta. Biggar ha realizzato i due punti addizionali per il risultato finale di 3 - 14.
Scrito da Diego Ghirardi Il 1/01/2013 11:36:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog