domenica 17 marzo 2013

Alla fine arriva la vittoria per la Francia, che chiude comunque inaspettatamente ultima

Dopo un primo tempo lacustre terminato dagli uomini di PSA sotto 6 - 0 ed accompagnato all'uscita dal campo da sonori fischi del pubblico parigino, la Francia si è ripresa nel secondo tempo mostrano il gioco che le è mancato per tutto il torneo, segnando due mete e mettendo in seria difficoltà gli ospiti con  azioni in velocità.
La Scozia con la sua difesa solida ed ordinata era riuscita a chiudere il primo tempo in vantaggio con due piazzati di Greig Laidlaw e non aveva concesso praticamente nessuna occasione ai padroni di casa.
Michalak e la touch francese in fantozziano marasma più completo concedevano palloni su palloni agli uomini di Johnston, senza che quest'ultimi riuscissero a sfruttarli al meglio.
Negli spogliatoi i giocatori francesi devono essersi guardati negli occhi ed aver capito che così non avrebbero potuto continuare.
Il secondo tempo è stato infatti completamente diverso rispetto al primo: Maxime Machenaud è entrato in campo al posto di Morgan Parra ed ha iniziato a giocare con Michalak come nei test autunnali, veloce, preciso, determinante. E dire che Michalak era partito con il piede sbagliato, al 3' una sua scazzottata con Stuart Hogg lontano dalla palla sarebbe potuta costare ad entrambi molto cara, se Nigel Owens o uno dei suoi assistenti l'avessero vista. Graziato, Michalak ha infilato una serie di tre piazzati che hanno dato la testa della partita ai suoi, prima che ancora Laidlaw mettesse a frutto forse l'unico errore di Michalak del secondo tempo ed andasse a segnare il suo terzo piazzato.
L'uno due della Francia è poi arrivato tra il 25' ed il 30', Bastareaud ha macinato metri su metri ed ispirato entrambe le mete, la prima di Fofana, la seconda di Médard, che da quando Paul Griffen non gioca più in nazionale ha fatto suo il titolo per le basette migliori del sei nazioni.
La Scozia ha comunque chiuso in avanti ed è andata in meta con una pregevole azione in velocità partita da touch nei propri 22 e terminata sotto i pali dall'olandese volante Tim Visser.
La vittoria finale non permette comunque ai galletti di schiodarsi dall'ultimo posto in classifica, che, diatribe sul cucchiaio di legno da assegnare a chi finisce a zero punti o meno, è e rimane un'umiliazione. Tabellino

Francia Scozia
Mete Wesley Fofana '65,
Maxime Médard '70
Tim Visser 75'
Transformazioni Frédéric Michalak 1/1,
Maxime Machenaud 1/1
Ruaridh Jackson 1/1
Calci Piazzati Frédéric Michalak 3/3 Greig Laidlaw 3/3
Scrito da Diego Ghirardi Il 3/17/2013 06:37:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog