lunedì 29 aprile 2013

Il Toulon accede alla sua prima finale della massima competizione europea grazie ad una prova corale perfetta ed al solito Jonny Wilkinson

Sarebbe facile riassumere la gara nella tremenda precisione di Jonny Wilkinson, capace di mettere a segno tutti i piazzati a disposizione, da ogni parte del campo, e di segnare il drop che ha sigillato la partita dando ai suoi il vantaggio di nove punti a 6 minuti dalla fine. Ma il Toulon ha giocato meglio in ogni zona del campo, ha difeso perfettamente ed ha attaccato con precisione, non ha sì trovato la meta, ma non certo per demerito proprio, ma per la buona difesa dei Saracens.
Anche i Saracens hanno ben giocato ed hanno saputo mantenere la distanza dagli ospiti fino al drop decisivo, con Owen Farrell che ha mancato solo una delle occasioni avute, ma i Saracens hanno mancato nei momenti decisivi del secondo tempo, quando si sono trovati in vantaggio numerico per un cartellino giallo un po' severo rifilato dall'irlandese Alain Roland a Rossouw per un placcaggio iniziato regolarmente, ma che è terminato con un avambraccio troppo alto. Ma in superiorità numerica, dopo un primo piazzato, i Saracens non sono stati in grado di pungere e proprio Farrell ha mancato un passaggio cruciale che avrebbe potuto dare la meta ai suoi.
Ora il Toulon troverà il Clermont nella finale tutta francese di Dublino, sfida che potrebbe e dovrebbe ripetersi anche a Saint Dennis per la corona del Top14.
L'esito della sfida di Twickenham potrebbe anche essere decisivo per le decisioni di Warren Gatland, in tribuna, in merito a chi affibbiare la maglia numero dieci dei Lions, Farrell rappresenta decisamente il futuro, ma la prova di Wilkinson, la sua presenza in campo, il suo carisma e la sua storia contro l'Australia, potrebbero risultare decisivi, Jonny Sexton permettendo.

Wilkinson consola Farrell dopo il suo drop che l'avversario ha provato invano di bloccare - screenshot Fox Soccer

Scrito da Unknown Il 4/29/2013 10:09:00 PM Nessun commento Continua a leggere

domenica 28 aprile 2013

Il Clermont approva alla sua prima storica finale di Heineken Cup resistendo alla rimonta del Munster

Allo Stade la Mosson di Montpellier il Clermont scrive una pagina della propria storia ma soffre più del previsto contro i maestri di Heineken Cup del Munster.
Andati in vantaggio per primi con un piazzato del veterano Ronan O'Gara, gli irlandesi si sono dovuti presto arrendere al gioco più veloce e solido dei canarini che sono andati in meta con Napolioni Nalaga che ha concluso in meta dopo che l'altro terribile back Sitiveni Sivivatu aveva gettato lo scompiglio nella difesa ospite.
Due piazzati di Parra aggiungevano altri sei punti al tabellino dei padroni di casa per un parziale del primo tempo di 13 - 3.
Il predominio dei francesi proseguiva anche nei primi minuti del secondo tempo e Parra portava i suoi sul 16 - 3 con un altro piazzato al 9'.
Ma in svantaggio di 13 punti, con l'eliminazione ormai sempre più imminente, gli irlandesi hanno iniziato a sfoderare la loro classe ed il loro uomo migliore, l'immenso Ronan O'Gara a costruito una meta meravigliosa per Hurley, che non ha dovuto far altro che raccogliere in meta un calcetto precisissimo che ha scavalcato la difesa del Clermont.
Ora ad una solo meta trasformata di distanza da un'improbabile vittoria, il Munster ha continuato a premere ed il Clermont si è salvato sulla linea in un paio di occasioni.
Parra avrebbe avuto la possibilità di chiudere i conti al 28', ma il suo calcio da facile posizione, complici certamente i nervi, esce sulla destra.
Il Munster prova il tutto per tutto, ma niente da fare, la difesa del Clermont è solida e costringe gli irlandesi a commettere un paio di in avanti fatali prontamente visti dal dottore, Nigel Owens, ancora una volta protagonista di una direzione di gara ineccepibile.
E così il Clermont può prenotare i biglietti per Dublino, in attesa di sapere l'esito dello scontro Saracens - Toulon di Twickenham.

Tabellino


ASM Clermont Munster
Mete Napolioni Nalaga 9' Hurley 63'
Transformazioni Morgan Parra 1/1 Ronan O' Gara 1/1
Calci Piazzati Morgan Parra 3/4 Ronan O' Gara 1/1
Scrito da Unknown Il 4/28/2013 06:43:00 PM Nessun commento Continua a leggere

I Crusaders battono di misura i Rebels grazie alla maggior disciplina ed alla precisione nei momenti cruciali.

I Rebels, per la prima volta di scena a Christchurch, dopo le prove altalenanti erano attesi ad una partita sulla carta impossibile contro i campioni neozelandesi, la cui formazione, nonostante le assenze, mette timore ad ogni avversario. Ed invece la squadra di Melbourne, che nel primo incontro tra le due squadre l'anno scorso, sconfisse a sorpresa i Crusaders è andata  vicina all'impresa.
Che i Rebels fossero arrivati in Nuova Zelanda per giocare si è visto fin dal primo minuto, quando al primo possesso i giocatori di Melbourne si sono buttati all'attacco, ma i Crusaders hanno resistito all'attacco degli ospiti e non appena si sono impossessati del pallone sono subito andati in meta con Zac Guildford, alla prima meta dal ritorno.
I rossoneri di Christchurch sono andati ancora in meta con Bleyendaal che ha ancora infilato la difesa ospite in contropiede.
Ma i Rebels, nonostante lo svantaggio sono stati in gradi di rimontare, grazie prima ad un piazzato di O'Connor e poi ad una meta di Higginbotham ed hanno messo sotto pressione la difesa dei padroni di casa. Due piazzati di Tom Taylor ed un'altro di O'Connor hanno fissato il parziale sul 18 - 13 per i Crusaders.
Nel secondo tempo i Rebels, dopo un piazzato per parte, hanno completato la rimonta grazie ad una splendida meta di O'Connor che ha concluso con un'azione personale seminando diversi difensori e poi con una meta del tallonatore Ged Robinson su uno schema da touch. Robinson alla terza media stagionale è il miglior marcatore di mete per i Rebels questa stagione.
Una volta in vantaggio i Rebels hanno cercato di mantenere la pressione sui Crusaders, ma una serie di errori e di falli ha permesso loro di portarsi nuovamente in vantaggio.
Momento cruciale della gara quando il giovane Woodward ha macchiato un'ottima prova con un errore al piede che ha trasformato una punizione per gli australiani in una mischia ad introduzione dei Crusaders, sulla quale la prima linea dei Rebels è stata colta ancora una volta in fallo dal deludente Nick Briant. Tom Taylor non si è fatto certo pregare ed ha segnato il piazzato che ridato il vantaggio ai padroni di casa.

Tabellino
Crusaders Melborne Rebels
Mete Guildford (3min),
Bleyendaal (13min)
Higginbotham (24min),
O'Connor (52min),
Robinson (55min)
Transformazioni Taylor 1/2 James O'Connor 1/2
Woodward 0/1
Calci Piazzati Taylor 6/6 James O'Connor 3/3
Woodward 0/1


Scrito da Unknown Il 4/28/2013 06:24:00 PM Nessun commento Continua a leggere

venerdì 12 aprile 2013

Nella giornata che potrebbe vedere la matematica retrocessione dell'Agen, la partita clou è la sfida tra Toulon e Clermont, per la classifica importante sfida a Montpellier tra MHR e Stade Toulousain

L'Agen ha bisogno non di uno ma bensì di tre miracoli per salvarsi, con quattordici punti di distacco dall'UBB dovrebbe infatti vincere tutte le tre partite rimanenti e sperare che i rivali non facciano nemmeno un punto. In parole povere l'Agen è spacciato, anche se forse questo turno potrebbe lasciare spazio alla matematica, l'Agen infatti ospita lo Stade Français ed il Bordeaux va a far visita al Castres.
Dallo scontro al vertice dello Stade Vélodrome ci si può aspettare un'anticipo di finale sia del Top14 sia dell'Heineken Cup.

Veniamo alle singole gare, come al solito in grassetto i miei, fallibilissimi, pronostici, ☞ indica le partite da guardare:


Venerdì 12
Castres Olympique - Union Bordeaux-Bègles (20:50): il Castres non si può permettere passi falsi e cercherà la vittoria con tre mete di vantaggio per assicurarsi un prezioso bonus.

Sabato 13

☞ Montpellier Hérault Rugby - Stade Toulousain (15:00): uscite entrambe dalle competizioni europee ma in modo diverso, lottando a Clermont il Montpellier e mandando la seconda squadra a Perpignan il Toulouse, questa gara è decisamente importante per tutte e due le squadre. Come dimostrato a Parigi due settimane fa, quando le partite contano, lo Stade è in grado di tirare fuori la grinta della grande squadra.

SU Agen - Stade Français (18:30): partita che può valere l'addio al Top14 per l'Agen. Lo Stade Français non sarà in vena di regali, ma non avrà le stesse motivazioni ed ha perso per ben 14 giornate Fillol, reo di un deprecabile sputo rifilato a Stringer a Bath.

Aviron Bayonnais - Grenoble (18:30): partita che ha poco da dire, il Grenoble dopo aver assaporato a lungo l'aria fina del vertice della classifica si è, comprensibilmente, rilassato, i canottieri dopo il sorprendente successo sul Toulon si sono arresi senza lottare troppo all'UBB, poche speranze di vedere una partita memorabile.

Mont-de-Marsan - Racing Métro 92 (20:40): il Mont-de-Marsan orami retrocesso da tempo ha fin d'ora onorato la competizione, ma contro i parigini non ci sarà storia. Racing in lotta per i play-off, sconfitto nell'ultima gara di campionato dopo 9 successi consecutivi, parte strafavorito.

Domenica 14

USAP - Biarritz Olympique (14:15): ultima possibilità per i catalani di aggangiare il treno play off, entambe vittoriose in Challenge Cup, contro il Toulouse il Perpignan ed a Gloucester il Biarritz, entrambe le squadre avranno da smaltire le tossine, USAP leggermente favorito.

 ☞ Rugby Club Toulonnais - ASM Clermont (16:10): la sfida che si potrà ripetere il 18 Maggio all'Aviva Stadium di Dublino ed il primo Giugno allo Stade de France mette di fronte i due club più forti d'Europa. Sono sempre convinto che il Clermont sia più squadra del Toulon, troppo Wilkinson dipendente, infatti il veterano ha segnato il 45% dei punti per i rossoneri, che guidano la classifica del campionato anche in questa statistica.
Scrito da Unknown Il 4/12/2013 12:56:00 PM Nessun commento Continua a leggere

Due scontri testa coda potrebbero risultare determinanti per la stagione di premiership


Gloucester e Northampton vanno a far visita alle due squadre in lotta per evitare la retrocessione, Sale e London Welsh, il netto divario tecnico tra le squadre potrà essere solo colmato dalla forza di volontà.


Veniamo alle singole gare, come al solito in grassetto i miei, fallibilissimi, pronostici, ☞ indica le partite da guardare:

Venerdì 12:
☞ Sale - Gloucester (Salford City Stadium) 19:45 (20:45): i cherry and white sono più forti degli Sharks e sono in lotta per un posto ai play off, una vittoria garantirebbe quasi al Sale l'obiettivo minimo della salvezza, la partita sarà una lotta.

Sabato 13:

Harlequins - Bath (The Twickenham Stoop) 14:15 (15:15): i Quins sono in forma pessima, non se la vede molto meglio il Bath, in campionato sconfitto dal Sale e vittorioso in maniera non esaltante, nonostante il risultato finale, contro i London Welsh e strapazzato dallo Stade Français in Europa. Per i Quins la vittoria è fondamentale per non farsi risucchiare dalle inseguitrici.

Exeter - London Irish (Sandy Park) 15:00 (16:00): Chiefs ed Irish hanno alternato vittorie e sconfitte in maniera quasi casuale, la vittoria per gli esuli potrebbe voler dire salvezza.


Domenica 14:

☞ London Welsh - Northampton (Kassam Stadium) 15:00 (16:00): Saints troppo forti per gli esuli gallesi, che rischiano di concedere anche il punto bonus agli ospiti.

Saracens - Worcester (Allianz Park) 15:00 (16:00): dopo aver vinto e convinto contro l'Ulster a Twickenham, i Saracens non si lasceranno impensierire dai Warriors.

Leicester - London Wasps (Welford Road) 15:45 (16:45): al contrario dei Wasp in Challenge Cup, le Tigers sono uscite a testa alta dalla Heineken Cup e vorranno proseguire la serie di tre vittorie consecutive e mettere quasi al sicuro il secondo posto in classifica, che vale una semifinale casalinga.
Scrito da Unknown Il 4/12/2013 11:34:00 AM Nessun commento Continua a leggere

Continua il duello tra Ospreys e Scarlets per il quarto posto utile per la qualificazione ai play off. 

I campioni in carica hanno un turno favorevole, rispetto agli Scarlets, gli Ospreys infatti ospitano il Treviso, mentre i rivali ospitano la capolista Glasgow. Nella lotta tra le due gallesi rischia di rimanere immischiato il Leinster che va a Limerick  a giocare contro il Munster, una partita che è sempre una lotta difficilissima a prescindere da tutto il resto.
L'assenza di retrocessioni e la qualificazione automatica di quasi tutte le squadre all'Heineken Cup fa perdere un po' dell'interesse che le altre partite potrebbero avere.
Le Zebre vanno a Cardiff nella speranza di raccimolare qualcosa in più del solito punto bonus.

Veniamo alle singole gare, come al solito in grassetto i miei, fallibilissimi, pronostici, ☞ indica le partite da guardare:

Venerdì 12
☞ Scarlets - Glasgow (Parc y Scarlets, Llanelli - GA) 19:05 (20:05): partita verità per gli Scarlets che devono rimanere attaccati al treno play off e non possono permettersi passi falsi, il Glasgow, reduce da un'impressionante vittoria 51 - 24 sul Munster è l'avversario più difficile possibile. Scozzesi favoriti, ma aspettiamoci una battaglia.

Ulster - Newport Gwent (Ravenhill, Belfast - IR) 19:05 (20:05): con il Glasgow impegnato a Llanelli, l'Ulster deve fare bottino pieno contro i Dragons e mettersi velocemente alle spalle la delusione della sconfitta contro i Saracens nel quarto di finale di Heineken Cup. Anscombe ha effettuato diversi cambi, alcuni forzati dagli infortuni, altri dettati dalla necessità di riposare alcuni giocatori leggermente acciaccati, come ad esempio Paddy Jackson. L'assenza del mediano d'apertura fa spostare Pienaar numero dieci per dare spazio a Paul Marshall mediano di mischia.

Edimburgo - Connacht (Murrayfield, Edimburgo - SC) 19:30 (20:30): le due squadre sono a pari punti in classifica, ma il Connacht ha giocato una partita in meno a seguito del rinvio dello scontro con il Treviso per impraticabilità di campo. Difficile fare un pronostico, Edimburgo favorito principalmente per via del fattore campo.

Sabato 13
Blues - Zebre (Arms Park, Cardiff - GA) 14:30 (15:30): la prima vittoria in campionato delle Zebre potrebbe arrivare dalla gara di Cardiff contro i deludenti Blues? La speranza per la squadra federale c'è sempre, i gallesi hanno perso le ultime quattro gare mentre le Zebre sono in costante miglioramento.

☞ Munster - Leinster (Thomond Park Stadium, Limerick - IR 18:30 (19:30): la stagione in Pro12 del Munster è virtualmente finita con la sconfitta pesante ad opera del Glasgow, ma la recente impressionante vittoria in Heineken Cup contro i campioni in carica inglesi degli Harlequins ha galvanizzato l'ambiente e niente come una sfida contro il Leinster può mantenere il livello d'attenzione altissimo.

Ospreys - Treviso (Liberty Stadium, Swansea - GA) 18:30 (19:30): partita dura per i Leoni in casa dei campioni in carica obbligati a vincere. Per quanto mi farebbe piacere vedere Treviso portare a casa una seconda storica vittoria in terra gallese, non penso accadrà, Ospreys troppo forti.
Scrito da Unknown Il 4/12/2013 11:03:00 AM Nessun commento Continua a leggere

Importanti trasferte per le australiane, Brumbies e Reds, in Nuova Zelanda e due derby sudafricani che potrebbero definire il girone.

Il nono turno può risultare determinante per la stagione di molte squadre, sia nelle parti alte che in quelle basse della classifica. Il giorne sudafricano, molto equilibrato vede la capolista Sharks far visita agli Stormers in cerca di una vittoria dopo due sconfitte consecutive e le Cheetahs, provenienti da un record di 5 successi di fila far visita ai Bulls freschi di turno di riposo. Anche per il girone neozelandese il nono turno può essere determinante, Blues e Hurricanes si scontrano in un derby che potrebbe definire la stagione di entrambe le squadre, soprattutto in vista degli incontri di Crusaders e Chiefs. I primi lasciano il sudafrica e vanno a Perth a giocare contro i Force, per cercare i cinque punti, mentre i secondi ospitano i Reds in una partita ostica.
L'ultima delle neozelandesi ospita i Brumbies che dopo il karakiri interno con i Kings non si possono permettere un altro passo falso.

Veniamo alle singole gare, come al solito in grassetto i miei, fallibilissimi, pronostici, ☞ indica le partite secondo da guardare (che io mi perderò perché in volo tra l'Australia e la Cina)



Venerdì 12
Highlanders - Brumbies (Forsyth Barr Stadium, Dunedin - NZ) 19:35 (9:35): gli Highlanders sono in ripresa e se riusciranno a mantenere la calma e la disciplina potrebbero finalmente ottenenre la prima vittoria in campionato. A sorpresa la coppie di all blacks Aaron Smith e Colin Slade partirà dalla panchina con il giapponese Tanaka mediano di mischia titolare. Per i Brumbies torna l'estremo Jessie Mogg, un'arma pericolosa sia al piede che in gioco aperto.

Sabato 13
Chiefs - Reds (Waikato Stadium, Hamilton  - NZ)16:35 (4:35): i Reds hanno un'ottimo record contro le neozelandesi, e da quando Will Genia è tornato dall'infortunio appaiono molto più pericolosi, i Chiefs dovranno stare attenti a non commettere uno scivolone, ma partono decisamente favoriti.

☞ Blues - Hurricanes (Eden park, Auckland  - NZ)19:35 (9:35): due squadre separate da un punto in classifica, che hanno segnato e fatto segnare molto, previsione di molte mete e punti bonus. La perdita di Faumuina è un problema per la difesa dei Blues, gli Hurricanes schiereranno Barrett estremo e Tusi Pisi all'apertura, una scelta che dovrebbe pagare.

Rebels - Kings (AAMI Park, Melbourne - AU) 19:40 (11:40): la vittoria a Perth ha ridato il sorriso ai Rebels, ma la squadra continua ad avere pericolosi momenti di amnesia, soprattutto nei secondi tempi, ed i Kings hanno dimostrato in questo lungo tour di Nuova Zelanda ed Australia di essere una squadra solida e soprattutto di non arrendersi fino all'ultimo.

Force - Crusaders (nib Stadium, Perth - AU) 19:40 (13:40): i Western Force sono una delle squadre materasso del torneo, i Crusaders hanno bisogno della vittoira e, nonostante le numerose assenze, hanno tutti i numeri in regola per ottenerla, senza faticare troppo.

☞ Stormers - Sharks (DHL Newlands Stadium, Città del Capo - SA) 17:05: gli Stormers saranno senza i due ex-Lions Jantjies e Taute, mentre gli Sharks devono fare a meno di Jacques Botes. Non ci si devono aspettare molti punti da questa partita, come nella gara d'andata, le difese saranno determinanti. Sharks favoriti a mio parere.

Bulls - Cheetahs (Loftus Versfeld, Pretoria - SA) 19:10: nell'altro derby sudafricano, i Bulls ospitano le Cheetahs in una gara che mette di fronte il classico stile springbok (Bulls) ed il rugby più moderno (Cheetahs). Penso i padroni di casa partano avvantaggiati, soprattutto per il ritorno di Akona Ndungane e Flip van der Merwe, la perdita di Zane Kirchner sarebbe molto più pesante se l'estremo fosse stato in forma migliore.

Riposo: Waratahs

Scrito da Unknown Il 4/12/2013 10:13:00 AM Nessun commento Continua a leggere

La Canterbury disegna delle maglie inguardabili per la nazionale della rosa rossa

Passi che il rugby a 7 è considerato una specie di gita fuori porta, dove si corre tanto e ci si diverte ancor di più, ma la Canterbury mi sa che ha proprio esagerato questa volta...

Secondo la casa d'abbigliamento neozelandese ha giustificato il design come una rappresentazione pixellata della rosa rossa a rappresentarne il DNA. Lo si vede nella prima maglia, ma nella seconda, pare i pixel sembra siano in gita fuori porta...
La Canterbury, neozelandese, sembra stia facendo del proprio meglio per punire gli inglesi per aver usato il nero integrale come seconda maglia quando erano sponsorizzati dall'americana Nike. Per chi se ne fosse dimenticato, ecco l'orribile seconda maglia porpora con cui l'Inghilterra ha affrontato l'Australia nell'ultimo test autunnale tra le due squadre:


Come si suol dire i soldi son soldi, ma quando si esagera, si esagera!

Scrito da Unknown Il 4/12/2013 09:59:00 AM Nessun commento Continua a leggere

mercoledì 10 aprile 2013

Premiership è giunta alle giornate finali e sia la lotta per la retrocessione sia per i play off si incrociano pericolosamente.

I Saints, attualmente quarti in classifica a pari punti con il Gloucester e a due punti dai campioni in carica degli Harlequins affrontano domenica i London Welsh al Kassam Stadium, mentre proprio il Gloucester va a fare visita agli Sharks venerdì sera.
Sharks che saranno la domenica dopo ospiti dei Saints a Northampton.
Altra coincidenza è che il Bath, attualmente fuori dai play off a 6 punti dalla coppia Northampton/Gloucester giocherà i prossimi tre incontri contro le prime tre della classe: Quins, Leicester e Saracens in ordine temporale. Teoricamente il Bath è così in grado di riaprire completamente i giochi per i play off.
Più realisticamente sarà la lotta tra Norhampton, Gloucester ed Harlequins a vedere una delle due squadre, ora non più distratte dalla competizioni europee a dover abbandonare anche l'obiettivo minimo.
I Saints dopo aver affrontato le due pericolanti Sharks e Welsh finiranno contro gli Harlequins al Twickenham Stoop in un probabile spareggio. Partita alla quale i Quins arriveranno dopo le gare contro Bath e Worcester.
Il Gloucester dopo la trasferta a Sale ospiteranno i Saracens per finire poi ad Exeter.
Fare previsioni è sempre difficile, i cherry and white hanno due partite sulla carta facili inframezzate dalla gara contro i Saracens, nel fine settimana prima della loro importantissima semifinale di Heineken Cup, una partita nella quale i Saracens, probabilmente già matematicamente certi almeno del secondo posto, non vorranno rischiare troppo.
I Saints hanno il viatico alla gara contro gli Harlequins più semplice, nonostante le motivazioni di classifica Sale e London Welsh non sono all'altezza di impensierire i Saints.
Tutto rimane quindi in mano ai Quins che provengono da un pessimo periodo di forma con quattro sconfitte consecutive, di cui l'ultima ha segnato l'addio alla massiama competizione europea.

In coda il Sale ha un bottino di sei punti sugli esuli gallesi, penalizzati di 5 punti per la scellerata faccenda legata alla nazionalità presunta inglese del neozelandese Tyson Keats.
Nelle tre partite da qui alla fine del campionato il Sale potrebbe anche non fare solo qualche punto bonus o addirittura nessun punto e salvarsi lo stesso, difficile infatti che gli Sharks battano Gloucester o Northampton, forse all'ultima di campionato potrebbero avere la meglio sui London Wasp, soprattutto se quest'ultimi non avessero più nulla da chiedere al campionato.
I London Welsh per poter fare il miracolo e salvarsi dovrebbero raccimolare due vittorie tra Saints, Irish e Worcester. Difficile, ma non impossibile.

Un pronostico: Saints e Quins ai play-off, Sale salvi

La classifica:

PostoSquadraPuntiVNPBOBD
1Saracens67151341
2Leicester63131554
3Harlequins56120744
4Northampton54120742
5Gloucester54111717
6 Bath4891937
7London Wasps47901047
8Exeter4691935
9Worcester33511338
10London Irish30611213
11Sale Shark26511313
12London Welsh18*401507


* London Welsh penalizzati di 5 punti
Scrito da Unknown Il 4/10/2013 05:22:00 PM Nessun commento Continua a leggere

martedì 9 aprile 2013


Si delinea una finale tutta francese tra Clermont e Toulon

I quarti di finale non deludono le aspettative e, seppur senza un diluvio di mete, offrono un ottimo spettacolo.
Al Clermont ed ai Saracens le vittorie più convincenti, sofferti i successi del Munster a Londra e del Toulon in casa.

Clermont - Montpellier 36 - 14: il Marcel Michelin si dimostra ancora una volta la fortezza del Clermont, il Montpellier non sfigura e si porta avanti ad inizio gara ma nulla può di fronte allo strapotere dei backs dei canarini: Rougerie, Fofana, Sivivatu, Byrne e Nalaga tutti in meta. Il Clermont ora ospiterà gli irlandesi del Munster per un posto nella finale di Dublino.

Saracens - Ulster 27 - 16: i Saracens regolano l'Ulster con maestria e agli irlandesi non rimane che una meta nel finale per rendere il risultato meno pesante. Per gli inglesi in meta Fraser ed Ashton, il cui odioso salto in meta mi fa venire il voltastomaco ogni volta. Per i Saracens ora in arrivo la semifinale contro il Toulon che i londinesi avranno il vantaggio di giocare in casa

Harlequins - Munster 12 - 18: gli irlandesi partono piano e  Ronan O'Gara sbaglia i primi due piazzati a disposizione permettendo a Freddie Burns di portare i Quins in vantaggio. L'apertura irlandese era presente alla prima sfida tra le due squadre in Heineken Cup nel 1997, ed ha usato tutta la sua esperienza per riportare i suoi in avanti, nonostante gli errori dalla piazzola, non ha sbagliato in gioco aperto ed ha spesso guadagnato preziosi metri per i suoi. La gara si è decisa nei primi dieci minuti del secondo tempo, quando il Munster ha letteralmente spazzato via dal campo gli Harlequins negando loro il possesso palla e schiacciandoli nei 22. O'Gara non ha sbagliato più dalla piazzola ed ha lentamente allargato il divario di punti.
Da incorniciare la gara del capitano Paul O'Connell, sempre protagonista per i rossi.
Una nota a margine, chi era seduto tra i due neozelandesi Warren Gatland e Rob Penney? Aveva uno stemma della Marina Militare Italiana sul laptop.

Toulon - Leicester 21 - 15: il Toulon ha faticato a contenere il Leicester per lunghi tratti di gara e quando ha avuto l'occasione per andare in meta, in un buon periodo di gioco ad inizio della ripresa, si è scontrato su una difesa solida e corretta. Wilkinson e Flood hanno dato spettacolo dalla piazzola, il primo ha chiuso con un record perfetto ed il drop goal che allo scadere ha messo fine alla gara.
Il Leicester ha da recriminare sui propri errori, Flood e Cole hanno per due volte lasciato i compagni in quattordici per due gialli analoghi rifilati loro dal preciso George Clancy per aver volontariamente smanacciato un pallone in avanti. Lasciare il Toulon in vantaggio numerico è un lusso che pochi si possono permettere, farlo due volte è un suicidio rugbistico.
Scrito da Unknown Il 4/09/2013 08:45:00 AM Nessun commento Continua a leggere

lunedì 8 aprile 2013

Giornata favorevole alla sudafricane

Gli Sharks si impongono sui Crusaders, i Kings ottengono un meritato pareggio a Canberra e le Cheetahs si aggiudicano il derby contro gli stormers. I Rebels ritrovano il sorriso dopo il terribile tour africano. Blues ed Hurricanes vittoriosi e convincenti.

Blues - Highlanders 29 -18: segnali di ripresa per gli Highlanders che hanno iniziato bene e si sono portati in vantaggio grazie ad una meta creata dai propri backs Emery e Popoali'i e conclusa da Ben Smith. Ma la gara ha iniziato ad andare in direzione dei padroni di casa quando Ma'a Nonu è stato giustamente mandato fuori da Walsh per dieci minuti per aver rifilato una spallata a Piri Weipu. Da lì in poi sono stati i Blues a comandare il gioco e a garantirsi una vittoria con punto bonus, grazie ad una meta nel finale proprio di Weipu.

Brumbies - Kings 28 - 28: pareggio meritato per i Kings che hanno avuto il merito di non arrendersi e di crederci fino in fondo ed hanno continuato ad attaccare anche dopo la sirena. Il pareggio è venuto grazie ad un regalo di Ben Alexander, il pilone dei Brumbies ha infatti a tempo scaduto ha placcato un avversario senza palla dando così ai Kings un'altra occasione per attaccare ed andare in meta con du Prez.

Sharks - Crusaders 21- 17: Lambie con un sette su sette dalla piazzola regola i Crusaders che nonostante le assenze sono stati per lunghi tratti in vantaggio grazie a Bleyendaal e ad una meta di Ellis. Se l'apertura dei Crusaders avesse avuto la stessa mira del suo dirimpettaio sudafricano, i Crusaders avrebbero portato a casa la vittoria.

Hurricanes - Waratahs 41 - 29: nonostante la sconfitta, segnali positivi per i Tahs che hanno inseguito la meta che avrebbe dato loro il doppio punto bonus fino ad oltre la sirena. Canes molto più veloci e concreti, ottimo esordio di Arnie Savea, se il buon giorno si vede dal mattino, un radioso futuro l'attende.

Force - Rebels 23 - 30: se potessero scegliere i Rebels giocherebbero decisamente tutte le partite contro i Western Force, e se possibile a Perth. La squadra di Melbourne infatti ha vinto fin d'ora solo 3 volte in trasferta, tutte e tre le volte che ha giocato a Perth. La gara ha visto i Rebels andare subito avanti per 15 - 0 prima di subire la rimonta dei padroni di casa che si sono portati sul 23 pari a 23 minuti dalla fine. Il giovane kiwi Woodward ha messo a segno le sue due prime mete in superugby, la seconda delle quali ha portato i Rebels definitivamente in vantaggio.

Cheetahs - Stormers 26- 24: Burton Francis ha dato la vittoria, la quinta consecutiva, alle Cheetahs allo scadere con il suo terzo piazzato. Per gli Stormers segnali di ripresa e due mete di de Jongh ed il solito Joe Pietersen dalla piazzola.

Riposo: Bulls, Chiefs, Reds


Classifica Girone Australia:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Brumbies51113029
2Reds50211126
3Waratahs30410117
4Rebels20510114
5Force10610311

Classifica Girone Nuova Zelanda:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Chiefs50114129
2Hurricanes40212123
3Blues30304222
4Crusaders30313221
5Highlanders0061026

Classifica Girone Sud Africa:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Sharks50111025
2Cheetahs50201122
3Bulls30311219
4Stormers20411316
5Kings11411011

Legenda: 4 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, R = riposo (= 4 punti), BO = bonus offensivo  (1 punto), BD = bonus difensivo (1 punto), in grassetto le squadre qualificate ai play-off (prime di ogni girone nazionale, più le migliori tre)

Scrito da Unknown Il 4/08/2013 02:43:00 PM Nessun commento Continua a leggere

domenica 7 aprile 2013

Riuscirà il Leinster a strappare la Challenge Cup dalle mani dei francesi?


I campioni in carica di Heineken Cup, gli irlandesi del Leinster sono l'unica squadra non-francese rimasta nella competizione minore europea, rispetto all'anno scorso, un leggero miglioramento, ma ancora una chiara dimostrazione di come il Top14 sia la competizione più forte del continente. Le inglesi hanno fallito miseramente: mai in partita il Gloucester ha ceduto ai campioni in carica del Biarritz, in cerca di una storica doppietta e se la dovranno proprio vedere con gli irlandesi nel quarto di finale più difficile; i londinesi dei Wasps sono stati regolati agevolmente dal Leinster ed a completare la debacle anglosassone, lo Stade Français si è imposto a Bath. La quarta semifinalista era già in anticipo una francese, e i catalani del Perpignan hanno ancora una volta regolato i campioni di Francia del Toulouse

Gloucester Rugby - Biarritz Olympique 31- 41: prova di forza dei baschi che hanno condotto agevolmente la partita ed hanno concesso due mete nel finale quando oramai al Gloucester non rimaneva più tempo per un'improbabile rimonta. Gli inglesi erano andati in meta per primi con l'ex nazionale Tindall, ma il frigorifero della real casa non ha potuto far altro che vedere poi gli ospiti andare in meta per ben tre volte tra il 22' ed il 36' del primo tempo. Sul risultato di 14 - 27 il Gloucester ha provato ad inizio ripresa a rifarsi sotto, Burn ha segnato un piazzato e sbagliato un secondo che avrebbe portato i padroni di casa a meno dieci dagli ospiti, ma al 16' è arrivata la meta del veterano Baby, che ha messo virtualmente la parola fine all'incontro. Una quinta meta per i baschi a sette minuti dalla fine ah portato il parziale su un quasi umiliante 41 a 17, che le mete nei minuti finali di Monahan ed Edmonds anno reso meno pesante.

London Wasps - Leinster Rugby 28 - 48: i londinesi sono partiti bene ed anno varcato la linea di meta degli ospiti per ben due volte nei primi 14 minuti, ma si sono dovuti poi inchinare allo strapotere di Ian Madigan. L'irlandese ha segnato una meta, cinque piazzati su altrettanti tentativi e tre trasformazioni su quattro.

Perpignan - Toulouse 30 - 19: il Toulouse si è presentato a Perpignan in formazione estremamente rimaneggiata, una dimostrazione di scarso rispetto che l'USAP ha fatto pagare caro agli ospiti. Nonostante l'aver finito l'ultimo quarto d'ora di gara in quattordici per un cartellino rosso a Dan Leo, i catalani hanno saputo tenere testa ai campioni di Francia e ne hanno respinto gli attacchi sulla linea di meta per ben tre volte consecutive quando il punteggio era di 26 - 19 ed una meta trasformata avrebbe dato il pareggio allo Stade. Fallita l'occasione, i rossoneri hanno ceduto definitivamente ed hanno concesso due punizioni che il gallese James Hook ha messo a segno per fissare il risultato sul 30 - 19.

Bath Rugby - Stade Français 20 - 36: i parigini si sono subito  imposti nel gioco e nel punteggio a Bath andando in vantaggio per 13 a 0 nei primo quarto di gioco, la reazione del Bath è arrivata con un misero piazzato id Donald prima che Vuidaruwalu andasse mettesse a segno la seconda meta ospite. Nigel Owens ha mandata per due volte due giocatori francesi sulla panchina dei cattivi, ma la superiorità numerica non è valsa la rimonta inglese. Il Bath, come le altre compagini di premiership ha reagito solo nel finale, a giochi oramai fatti, due mete dei suoi internazionali, prima Claasens e poi Cuthbert hanno reso il punteggio meno pesante, ma non hanno impensierito gli ospiti.
Lo Stade se la vedrà ancora in trasferta con il Perpignan nella semifinale il 26 Aprile per provare a riuscire dove non riuscì l'anno scorso, ovvero arrivare in finale e poi vendicarsi della sconfitta dell'edizione 2010-11.
Scrito da Unknown Il 4/07/2013 08:26:00 PM Nessun commento Continua a leggere

venerdì 5 aprile 2013

Fantastico week end di rugby in arrivo con i quarti di finale di Heineken Cup con il meglio del rugby dell'emisfero nord in campo

Tre francesi, tre inglesi e due irlandesi si scontrano nei quarti di finale con un unico derby, quello tra Clermont e Montpellier che aprirà la serie di incontri.
Il valore delle squadre in campo è indiscutibile, le prime tre della classe in premiership, le prime due del Top14 e seconda e terza di Celtic League tutte imbottite di giocatori che rappresentano o hanno rappresentato la propria nazionale nella coppa del mondo, nel sei nazioni o nel rugby championship.


Sabato 6:
Clermont - Montpellier (Stade Marcel Michelin, Clermont - FR) 16:40 - Wayne Barnes (Inghilterra): l'ultima volta che una squadra è uscita vincente dal Marcel Michelin c'era ancora de Gaule presidente. Il Montpellier è una squadra solida, con una buona mischia, un preciso calciatore in François Trinh Duc ed un buon reparto arretrato, ma non è in grado di impensierire i canarini, in grado di colpire in ogni momento e da ogni parte del campo grazie ad un gruppo di backs formidabile: Rougerie, Fofana, Sivivatu e Nalaga. Clermont parte favorito, non solo per il passaggio alla semifinale, ma anche per il titolo finale.

Saracens - Ulster (Twickenham Stadium, Londra - UK) 18:30 (19:30) - Romain Poite (Francia): la recente vittoria a Dublino ha risollevato lo spirito dei nord irlandesi, finalisti l'anno scorso, che dopo un inizio di stagione stellare hanno iniziato a far intravedere le prime crepe. Al contrario i Saracens sono in ottima forma e nel tempio del rugby inglese, dove molti dei loro giocatori sono di casa con la maglia della nazionale, i londinesi partono favoriti. Pienaar e la mischia dell'Ulster saranno fondamentali per l'esito della gara, così come Burns per i Saracens. Aspettiamoci tanti calci ed un gioco duro da entrambe le parti.
La sfida vede di fronte in panchina due ex-compagni di squadra vincitori della prima edizione della coppa nel 1999 con la maglia dell'Ulster, David Humphreys e Mark McCall, il primo ora allenatore della squadra nord irlandese, il secondo allenatore degli inglesi.

Domenica 7:
Harlequins - Munster (The Twickenham Stoop, Londra - UK)14:00 (15:00) - Jerome Garces (Francia): tra le squadre ai quarti Quins e Munster sono le due in forma peggiore: gli inglesi sono reduci da una serie di sconfitte contro le dirette concorrenti in premiership, mentre gli irlandesi hanno appena concesso ben 51 punti al Glasgow. La storia parla per il Munster, dominante negli ultimi 8 anni in Europa e capace di vincere fuori casa più di ogni altra squadra. Se l'esperienza è il punto forte degli irlandesi l'età è il loro punto debole, giocatori come Ronan O'Gara, dall'alto dei suoi 1342 punti e 109 presenze in Heineken Cup non si farà certo intimorire, ma tale esperienza viene anche con gli anni, e Ronan ne ha appena compiuti 36, tre in più del suo capitano Paul O'Connell. Per il Munster Simon Zebo potrebbe fare ritorno in campo dopo l'infortunio subito nella prima giornata del sei nazioni e la sua presenza potrebbe far pendere la bilancia dalla parte degli irlandesi.
Per gli Harlequins il capitano della nazionale inglese Chris Robshaw, che ha riposato la settimana scorsa, torna in campo pronto a guidare i suoi alla loro prima semifinale, penso rimarrà deluso.

Toulon - Leicester (Stade Félix Mayol, Toulon - FR) 17:30 - George Clancy (Irlanda): il Toulon è stato costruito per raggiungere la doppietta Campionato-Coppa, niente meno. E questo è l'unico punto debole dei francesi. Il Leicester, al contrario, affronta la partita con lo spirito del non aver nulla da perdere. Il Toulon quest'anno è più squadra rispetto agli anni precedenti, quando sembrava una versione di club dei barbarians. Wilkinson fresco di rinnovo del contratto da un lato e Flood dall'altro daranno vita ad un bel duello dalla piazzola. Non penso avvenga una sorpresa, il Toulon passerà il turno e so avvicinerà sempre più alla probabile finale con il Clermont, finale che dovrebbe ripetersi anche nel Top14.
Scrito da Unknown Il 4/05/2013 02:30:00 PM Nessun commento Continua a leggere

Fari puntati sui Crusaders alla prova del nove contro gli Sharks e sul derby sudafricano Cheetahs - Stormers

Dopo la convincente prova di Città del Capo i Crusaders sono chiamati ad affrontare gli Sharks, che provengono da un turno di riposo, la difesa dei neozelandesi e la tattica dei sudafricani saranno fondamentali per l'esito della gara. Scontro molto importante per chiarire le forze in gioco nel girone sudafricano tra Cheetahs e Stormers. Per il girone australiano i Brumbies hanno un turno favorevole contro i Kings, i Waratahs fanno visita agli Hurricanes, chiude il derby di bassa classifica tra Force e Rebels. Il derby tra Blues ed Highlanders promette un po' più di spettacolo, se non altro per l'attitudine al gioco d'attacco dei kiwi.

Veniamo alle singole gare, come al solito in grassetto i miei, fallibilissimi, pronostici, ☞ indica le partite da guardare


Venerdì 5:
Blues - Highlanders (Eden Park, Auckland - NZ) 19:35 (8:35): i Blues sono partiti molto forte per poi accusare un calo, il talento a disposizione di Sir John c'è, trovare l'amalgama giusta è spesso un lavoro certosino. Gli Highlanders al contrario sono partiti con tante belle aspettative, ma non hanno saputo vincere nemmeno una gara fin ora. E non penso ciò cambierà, Blues favoriti

Brumbies - Kings (Canberra Stadium, Canberra - AU) 19:40 (10:40): turno facile per i Brumbies, i Kings non sono comunque da sottovalutare, nonostante le sconfitte hanno dimostrato di voler e saper giocare a rugby. Australiani comunque favoriti.

Sharks - Crusaders (Mr Price Kings Park, Durban - SA) 19:10: i Crusaders nella gara contro gli Stormers hanno perso un'altro prezioso pezzo, Johnny McNichol, ma recuperano Izzy Dagg, almeno per la panchina. Tutti e quattro i Whitelock in campo dal primo minuto per i Crusaders, renderanno al vita dei commentatori più semplice. Gli Sharks ritrovano il full back Frans Steyn, un'arma in più per calciare piazzati da posizioni impossibili, gli Sharks devono far tesoro degli errori tattici mostrati nell'ultima partita dagli Stormers ed evitare di calciare via tutti i possessi. Anche se sembra sempre un sacrilegio, il mio pronostico va contro i Crusaders.

Sabato 6
Hurricanes - Waratahs (Westpac Stadium, Wellington - NZ) 19:35 (8:35): partita che può essere determinante per entrambe le squadre. Gli Hurricanes hanno iniziato a trovare i meccanismi giusti e sono velocissimi. Accanto all'all-black Julian farà il suo debutto in seconda linea il 19-enne fratello Ardie Savea, da tenere d'occhio. Per i Waratahs torna in campo il nazionale Sekope Kepu e la sua esperienza potrà essere fondamentale nel vincere la battaglia contro Ben Franks in mischia. Canes favoriti, ma gara molto aperta.

Force - Rebels (nib Stadium, Perth - AU) 16:40 (10:40): i Rebels tornano dal tour sudafricano con molti problemi e l'unica conferma che la strada verso la vetta è ancora lunga, molto lunga. Gareth Delve infortunato passa la fascia di capitano non ad O'Connor, bensì a Higginbotham. Alla sua settima gara con la squadra di Melbourne, la terza linea giocherà al centro. James O'Connor ancora estremo ed Angus Roberts apertura, un'altra scelta discutibile del pericolante Damien Hill. Nella gara d'andata, al primo turno, i Rebels si sono imposti in casa, ma da lì il cammino delle due squadre è stato opposto, mentre i primi hanno subito un'involuzione costante, i Western Force sono migliorati molto e sono stati spesso competitivi anche nelle sconfitte.

Cheetahs - Stormers (Free State Stadium, bloemfontein - SA) 17:05: derby molto importante per capire quale tra le due squadre si può inserire nella lotta play off. Le Cheetahs provengono da una serie positiva di quattro vittorie, dove, a dire il vero, non hanno affrontato avversari impossibili, gli Stormers hanno ben figurato contro i Brumbies e perso contro i Crusaders principalmente per aver perso troppi palloni in touch ed aver calciato via troppi possessi. Nonostante la serie positiva dei ghepardi, gli Stormers godono di maggior talento e partono favoriti.

Riposo: Bulls, Chiefs, Reds
Scrito da Unknown Il 4/05/2013 11:29:00 AM Nessun commento Continua a leggere

giovedì 4 aprile 2013


Stasera iniziano i quarti di finale di Challenge Cup con la partita tra i campioni in carica del Biarritz che fanno visita al Gloucester nel primo dei due incontri anglo-francesi in programma. Le altre tre partite vedono impegnate due esordienti di lusso nella Challenge Cup i quattro volte campioni d'Europa del Toulouse ed i campioni in carica del Leinster. Le due nobili decadute giocheranno rispettivamente il derby francese a Perpignan e la sfida contro il London Wasp. Nell'ultima gara in programme lo Stade Français fa visista al Bath.

Giovedì 4:
Gloucester Rugby - Biarritz Olympique (Kingsholm, Gloucester - UK) 20:00 (21:00) - John Lacey (Irlanda): il Gloucester gode di un discreto momento di forma e soprattutto proviene dalla vittoria in campionato 17 - 15 contro i campioni in carica degli Harlequins che ha permesso loro di mantenere alte le proprie speranze di qualificarsi ai play-off. Il Gloucester, che ha vinto la competizione europea nel 2008 e che ha concluso la fase eliminatoria imbattuto, si troverà di fronte una squadra anch'essa in forma, reduce anch'essa da due vittorie consecutive in campionato, di cui una molto prestigiosa contro il Clermont. I baschi sono tuttavia staccati in classifica dalla zona play off e dalla conseguente qualificazione alle coppe europee per la prossima stagione.
Molto ruoterà intorno alla capacità di entrambe le squadre di mantenere la disciplina, soprattutto per il Gloucester sarà importante non mandare dalla piazzola gli avversari, che in Dimitri Yachvili hanno un ottimo calciatore. L'ex mediano di mischia dei Bleus ritroverà forse qualche volto conosciuto, Yachvili infatti ha trascorso una stagione al Glouchester nel 2001-'02.
Il Gloucester parte favorito sulla carta, ma il BO sarà certamente un osso duro.

Venerdì 5:

London Wasps - Leinster Rugby (Adams Park, High Wycombe - UK) 20:00 (21:00) - Pascal Gauzere (Francia): nonostante la sconfitta in campionato contro l'Ulster di sabato scorso, il Leinster è in un buon periodo e parte decisamente favorito contro i Wasps, la cui ultima vittoria risale a cinque turni fa, 33 - 29 contro il Gloucester il 17 Febbraio.

Perpignan - Toulouse (Stade Aimé Giral, Perpignan - Fr) 21:00 - Alain Rolland (Irlanda): l'USAP cercherà di ripetere il successo casalingo in campionato per 34 - 20 ottenuto ad inizio stagione, ma purtroppo per i catalani, la squadra che affronteranno è decisamente in forma migliore ed è reduce da due vittorie consecutive in campionato contro le parigine. Il Perpignan al contrario proviene da due sconfitte consecutive, seppur di misura, che hanno forse segnato l'addio ai play off ed alla qualificazione alle prossime competizioni europee, se nessuna francese ne vincerà una.

Sabato 6:
Bath Rugby - Stade Français (Recreation Ground, Bath - UK) 13:00 (14:00) - Nigel Owens (Galles): la seconda sfida anglo-francese dei quarti è anche l'unica che vede di fronte due squadre provenienti dai gironi eliminatori della Challenge Cup. Il Bath ha stravinto il girone 4 imbattuto mentre lo Stade ha vinto il gruppo 5 staccando i cugini del Grenoble.
Gli inglesi hanno giocato le ultime due partite contro le ultime della classe in premiership e, con una sconfitta ed una vittoria, non hanno impressionato.
I parigini hanno vissute un ciclo di ferro in campionato, dove hanno affrontando, perdendo, le tre squadre più forti del campionato: Clermont, Toulouse e Toulon. In mezzo la partita vinta facilmente contro il Mont-de-Marsanne. L'aver giocato contro avversari di valore superiore dovrebbe aver preparato i parigini ad affrontare il Bath.
Scrito da Unknown Il 4/04/2013 01:18:00 PM Nessun commento Continua a leggere

martedì 2 aprile 2013

I Crusaders impressionano contro gli Stormers

Del settimo turno di Superugby va annotata soprattutto la vittoria dei Crusaders a Città del Capo, non perché sia stata inaspettata, la forza della squadra pluricampione non si discute, ma le assenze erano decisamente tante e pesanti. La vittoria e soprattutto la forza difensiva mostrata hanno decisamente impressionato gli avversari. Gli Sharks, prossimi sfidanti dei Crusaders avranno guardato la partita con molto interesse. Nota negativa per gli Stormers la prova di Elton Jantjies, poco preciso in ogni fase del gioco e non in grado di imporre il proprio gioco.

Nelle altre partite, vittoria importante per i Reds in Nuova Zelanda, la prima fuori casa contro gli Highlanders. Partita combattuta che ha visto i Reds segnare quattro mete e resistere nei minuti finali all'assalto dei padroni di casa. Nel derby neozelandese tra Chiefs e Blues i padroni di casa si sono complicati la vita da soli mancando diverse possibilità per andare in meta nel primo tempo ed hanno poi rischiato la beffa finale degli ospiti.
Continua anche la marcia dei Brumbies, che dopo lo stop a Città del Capo della settimana scorsa, si impongono sui Bulls a tempo scaduto.
Nel derby australiano tra Tahs e Force, vittoria per la squadra del New South Wales in una gara che si è animata solo nel finale.
I Kings non sono una squadra materasso, ma non hanno armi a sufficienza per limitare lo strapotere degli Hurricanes. Al contrario invece dei Rebels, squadra invece apparsa fuori condizione, Cheetahs senza troppi problemi alla quarta vittoria consecutiva in campionato.


Highlanders - Reds 33 - 34
Hurricanes - Kings 46 - 30
Chiefs - Blues 23 - 16
Brumbies - Bulls 23 - 20
Cheetahs - Rebels 34 - 16
Stormers - Crusaders 14 - 19
Waratahs - Force 23 - 19

Riposo: Sharks




Classifica Girone Australia:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Brumbies50113027
2Reds50201122
3Waratahs30310117
4Force10510210
5Rebels1051019

Classifica Girone Nuova Zelanda:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Chiefs50104125
2Crusaders30213120
3Hurricanes30211118
4Blues20303217
5Highlanders0051026

Classifica Girone Sud Africa:
PostoSquadraVNPRBOBDPunti
1Sharks40111021
2Cheetahs40201118
3Bulls30301215
4Stormers20311215
5Kings1041008

Legenda: 4 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, R = riposo (= 4 punti), BO = bonus offensivo  (1 punto), BD = bonus difensivo (1 punto), in grassetto le squadre qualificate ai play-off (prime di ogni girone nazionale, più le migliori tre)

Scrito da Unknown Il 4/02/2013 10:58:00 AM Nessun commento Continua a leggere

Dopo la quinta sconfitta consecutiva, il futuro di Damien Hill ai Rebels appare più che mai incerto

Il contratto di Hill scadrà a fine stagione e la dirigenza non può lasciare una decisione tanto importante all'ultimo, il numero di allenatori di livello non è enorme e se i Rebels si vogliono assicurare i servigi di un buon allenatore devono muoversi subito sul mercato.
Nella loro breve storia in Superugby i Melbourne Rebels rischiano di cambiare il secondo allenatore in tre stagioni. Dopo il regno di un solo anno di Rod MacQueen, ora nel consiglio di direzione del club, il Hill, suo vice e con tre Shute Shields vinti da allenatore nel proprio palmarès, venne promosso a capo allenatore.
Damien Hill - foto Herald Sun
La prima stagione di Hill ai Rebels è finita con un record di 4 vittorie e 12 sconfitte, alcune di misura, ed ha fatto vedere incoraggianti segni di miglioramento, tanto che ad inizio stagione, alcuni dei giocatori avevano addirittura parlato di play-off come possibile obiettivo.
Dopo aver vinto la prima gara contro i Western Force, l'avversario contro il quale i Rebels hanno il miglior record, la squadra di Melbourne non solo ha perso tutte le altre partite, ma ha anche mostrato preoccupanti brecce nello spogliatoio.
L'anno scorso i Rebels si separarono prima del previsto dal mediano d'apertura inglese Danny Cipriani, che nella prima stagione fu l'unico a dare qualche gioia ai tifosi, ma che non fu gestito a dovere fuori dal campo, cosa che pare sia accaduta anche con Beale.
Dopo l'episodio tra Vuna e Beale si parla insistentemente di un possibile passaggio del secondo al rugby league o ai Waratahs, dove si accaserà a fine stagione un'altro wallabies in forza ai Rebels, Nick Phipps. James O'Connor è a fine contratto e si parla di un suo possibile passaggio ai Brumbies, anche se il suo rapporto con la dirigenza della squadra di Canberra non è dei migliori, dopo che nel 2011 non mantenne la parola data e si accasò proprio ai Rebels.
La perdita di tre wallabies potrebbe essere disastrosa per la squadra di Melbourne, soprattutto per la mancanza di continuità che causerebbe ma anche per il ritorno d'immagine negativo che avrebbe.
Damien Hill in tutto ciò è sempre apparso, almeno visto da fuori, troppo pacato, troppo gentiluomo per tenere sotto controllo uno spogliatoio fatto di prime donne e di duri lavoratori, che quando le vittorie non arrivano gli animi si scaldano.
La mancanza di vittorie e la mancanza di polso da parte dell'allenatore sono un mix fatale per ogni squadra, ancor più per una formazione relativamente nuova inserita in un tessuto sportivo, quello di Melbourne, dove il rugby non è ai primi posti delle preferenze.
Per i Rebels sarebbe opportuno trovare alla svelta un sostituto che sia in grado di dare una direzione ferma alla squadra e che possa da un lato tranquillizzare i giocatori attualmente in organico e dall'altro attirarne altri.
Scrito da Unknown Il 4/02/2013 09:46:00 AM Nessun commento Continua a leggere

lunedì 1 aprile 2013

Il Gloucester batte i Quins e si fa sotto in classifica ed anima la lotta per il quarto posto

Saracens e Tigers approfittano del passo falso dei campioni in carica e sono quasi certi di una semifinale casalinga. In coda il pareggio all'ultimo minuto del Sale contro gli Irish è un gran passo in avanti verso la salvezza.

Gloucester - Harlequins 17 - 15: i cherry and white si impongono dopo essere stati sotto per 3 - 12 contro i campioni in carica alla seconda sconfitta consecutiva. Per il Gloucester la meta di Akapusi Qera  nel secondo tempo e la conseguente difesa sono determinanti per aggiudicarsi un'importante successo in chiave play off.

Bath - London Welsh 40 - 25: gli esuli si battono con onore e nel finale si portano a soli due punti di distanza dal Bath, ma non possono nulla di fronte alla maggior determinazione e classe dei padroni di casa, che chiudono la gara grazie alle mete di Horacio Agulla e Michael Claassens.

London Wasps - Saracens 13 - 22: dopo essere stati sotto di 13 - 0 i Saracens hanno compiuto una rimonta perfetta guidati da Chris Ashton finalmente all'altezza delle aspettative, alla sua quarta meta stagionale.

Northampton - Leicester 8 - 36: grazie ad una doppietta di Manu Tuilagi le tigri si impongono ancora nel derby delle Midlands. Grazie alle altre due mete di Niall Morris e Mathew Tait il Leicester si aggiudica anche il punto bonus, importantissimo in classifica per assicurarsi il vantaggio del campo nella semifinale. La vittoria lancia anche le Tigers in vista del quarto di finale contro il Toulon in Heineken Cup.

Worcester - Exeter 18 - 24: seconda vittoria esterna consecutiva per i Chiefs, non accadeva dall'anno scorso. L'australiano Dean Mumm autore della meta decisiva per gli ospiti a quattro minuti dalla fine.

London Irish - Sale Sharks 33 - 33: ancora una volta gli Sharks si salvano sul filo di lana, la settimana scorsa riuscirono a superare il Bath, questa volta si aggiudicano un pareggio con punto bonus che li porta a sei punti di vantaggio sui Welsh. Dopo essere stati in svantaggio di dieci punti a metà del secondo tempo, gli Irish hanno rimontato il Sale e si sono portati in vantaggio, ma una punizione di Nick Macleod ha dato il pareggio agli Sharks a tempo praticamente scaduto.


La classifica:

PostoSquadraPuntiVNPBOBD
1Saracens67151341
2Leicester63131554
3Harlequins56120744
4Northampton54120742
5Gloucester54111717
6 Bath4891937
7London Wasps47901047
8Exeter4691935
9Worcester33511338
10London Irish30611213
11Sale Shark26511313
12London Welsh18*401507


* London Welsh penalizzati di 5 punti
Scrito da Unknown Il 4/01/2013 12:09:00 PM Nessun commento Continua a leggere

Giochi quasi fatti nel Top14

Il Toulouse si aggiudica il big match allo Stade de France contro il Racing Métro e ne ferma la striscia vincente, continuano a vincere le altre due di testa ed il Castres passa a Perpignan: ora per i catalani, data anche la vittoria prevedibile del Montpellier a Mont-de-Marsanne, la via dei playoff si fa ardua.
La vittoria con bonus vuol dire praticamente salvezza per il Bordeaux-Bègles, solo la matematica infatti lascia una speranza all'Agen, ora staccato di 14 punti dall'UBB con sole tre partite da giocare.


Biarritz Olympique - Grenoble 33 - 16: il Biarritz si impone facilmente sotto una pioggia battente su uno stanco Grenoble.

Stade Français - Rugby Club Toulonnais 11 - 43: il Toulon si aggiudica victoria e punto bonus con una prova senza sbavature a Lille. Stade troppo indietro rispetto alla corazzata del sud.

Union Bordeaux-Bègles - Aviron Bayonnais 39 - 13: allo stadio André-Moga il Bordeaux-Bègles conquista la vittoria ed ottiene anche il punto bonus nei minuti finali. L'Aviron oppone poca resistenza ai ben più motivati padroni di casa.

ASM Clermont - SU Agen 66 - 21: i canarini strapazzano l'Agen e vanno in meta per ben dieci volte. Tripletta di Wesley Fofana e doppiette per Nakaitaci e Nalaga.

Mont-de-Marsan - Montpellier Hérault Rugby 17 - 30: vittoria mai in discussione per l'MHR. Squadre in 14 per quasi tutto il secondo tempo per la doppia espulsione dei tallonatori Grobler (Mont) et Geli (Montpellier) per una scazzottata al 4 della ripresa.

USAP - Castres Olympique 20 - 21: il Perpignan dice quasi addio ai play off con una sconfitta di misura. I catalani si svegliano tardi ed il Castres riesce a resistere ai loro assalti nel finale. La vittoria è molto importante per il Castres in chiave play off, infatti terza e quarta classificata giocano la prima delle gare ad eliminazione in casa.

Racing Métro 92 - Stade Toulousain 26 - 27: meritata vittoria sul filo di lana per il Toulouse


La classifica:
PostoSquadraPuntiVNPBOBD
1Toulon821706104
2Clermont80170675
3Toulouse73160763
4Castres66141835
5Racing Métro 9263140916
6Montpellier63140943
7Perpignan571201127
8Biarritz511111114
9Grenoble491101214
10Stade Français461011022
11Aviron Bayonnais45911216
12Bordeaux-Bègles41701649
13Agen27501607
14Mont-de-Marsan15201916
Scrito da Unknown Il 4/01/2013 11:38:00 AM Nessun commento Continua a leggere

Il Toulouse si aggiudica il big match del Top14 all'ultimo minuto in un clima da finale

Sarà perché si è giocato allo Stade de France, sarà perché il Racing proveniva da nove vittorie consecutive, o forse perché gli uomini di Novès erano sotto scrutinio dopo una stagione altalenante, ma fatto sta che la partita ha fatto uscire lo Stade al quale eravamo abituati, la squadra che, quando conta, c'è.
Il Toulouse è partito subito forte, mettendo il Racing e la sua formidabile difesa alla prova fin dai primi minuti, prova che gli uomini di Quesada hanno passato a gran voti. La mischia dei campioni in carica, guidata da un Servat che di smettere sembra proprio non ne abbia voglia, ha conquistato subito un paio di punizioni. Luke McAllister schierato all'apertura ha sbagliato la prima di esse ed ha poi lasciato il compito ad Doussain di calciare, con successo, la seconda. L'apetura neozelandese ha poi lasciato il campo al 20' per un colpo al costato, al suo posto Lionel Beauxis.
Su un prato che si sfalda sotto le spinte dei giocatori, la mischia del Racing si rifà nella seconda parte del secondo tempo che si avvia verso la fine sul risultato di 12 - 6 grazie ai piazzati di Wisniewski e del duo Doussain - Beauxis.
Ma al 39' avviene quella che potrebbe essere la svolta della gara, il signor Cardona, che ha ben arbitrato, ma che decisamente ama un po' troppo rendersi protagonista, vede in un placcaggio di Picamoles gli estremi per un giallo.
Il Racing, da grande squadra approfitta subito dell'avversario alle corde e con una bella azione di diverse fasi va in meta con Wisniewski sulla sinistra. Cardona chiede inspiegabilmente conferma al suo collega addetto alla moviola e finalmente convalida. Con i due punti aggiuntivi della stessa apertura biancazzurra il risultato parziale è di 17 - 6.
Novès si deve essere fatto sentire negli spogliatoi perché i rossoneri tornano in campo più decisi che mai a rimontare. Nonostante l'inferiorità numerica lo Stade conquista due punizioni che Beauxis mette a segno.
La pressione del Toulouse continua con il raggiungimento della parità numerica e Clerc conclude sulla destra un'azione iniziata e proseguita da Picamoles. Beauxis non trasforma ed il risultato è così di parità 17 - 17.
Il Racing però reagisce ancora e grazie alla potenza dei propri avanti si rifà pericoloso più volte nell'area dei 22 ospiti. La difesa dello Stade tiene e concede solo quattro piazzati, due dei quali vengono convertiti in punti da Wisniewski.
Al 29' Wisniewski viene punito da Cardona nell'esatta maniera in cui era stato punito Picamoles alla fine del primo tempo. Anche qui cartellino giallo un po' esagerato, ma almeno l'arbitro è coerente nelle proprie scelte.
Beauxis punisce subito il Racing mettendo a segno il piazzato scaturito dal fallo di Wisniewski e porta il Toulouse a tre punti di distanza. Novès approfitta per effettuare ben quattro cambi ed iniettare così forze fresche in campo.
A sei minuti dalla fine i parigini conquistano un'altro piazzato in mischia e Machenaud lo realizza per allungare il vantaggio ed avvicinare i suoi al record di dieci vittorie consecutive.
Il Toulouse si lancia all'attacco, conquista un fallo che Beauxis calcia in touch nell'angolino sinistro a due minuti dalla fine: l'esecuzione è perfetta ed il veloce gioco ad aggirare la difesa del Racing riesce alla perfezione mandando ancora una volta Clerc a schiacciare nell'anoglino destro a tempo praticamente scaduto.
La trasformazione di Beauxis, da posizione molto angolata è cruciale e riesce alla perfezione per la gioia dei rossoneri.
I giocatori dello Stade Toulousain festeggiano a fine gara -  foto Getty

Tabellino

Racing Métro 92 Stade Toulousain
Mete Jonathan Wisniewski 40' Vincent Clerc 57',
Vincent Clerc 79'
Transformazioni Jonathan Wisniewski 0/1 Lionel Beauxis 1/2
Calci Piazzati Jonathan Wisniewski 6/7
Juan Martin Hernandez 0/1
Maxime Machenaud 1/1
Luke McAllister 0/1
Jean-Marc Doussain 1/1
Lionel Beauxis 4/5
Scrito da Unknown Il 4/01/2013 11:02:00 AM Nessun commento Continua a leggere
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog