lunedì 27 maggio 2013

Dopo 3 finali perse il Leinster finalmente si aggiudica il titolo con grinta e determinazione

Alla fine l'ultimo ad avere il pallone è Brian O'Driscoll, l'uomo più rappresentativo del rugby irlandese, che lo ha recuperato alla base di una ruck e lo ha sparato in tribuna tra i tifosi festanti. Ma per 80 minuti si è vista una partita combattuta e ben giocata da entrambe le parti, il Leinster ha avuto dalla sua l'esperienza e la calma nei momenti decisivi, l'Ulster ha pagato la propria indisciplina e l'incapacità di andare in meta.
Per l'Ulster è la seconda finale persa contro il Leinster dopo la sconfitta in Heineken Cup a Twickenham l'anno scorso: dopo aver dominato il campionato di Celtic gli uomini di Anscombe sono arrivati alla finale un po' a corto di idee e nonostante la buona prova della cerniera Pienaar-Jackson, non hanno mai oltrepassato la linea di meta avversaria.

Il Leinster ha iniziato subito forte, fortissimo, Sexton ha battuto il calcio d'inizio profondo nei 22 metri avversari, le seconde linee hanno conquistato il pallone e tutti gli avanti hanno spinto Shane Jennings in meta dopo meno di 3 minuti.
Dopo un piazzato di Sexton che ha portato il Leinster avanti di 10 punti gli ulstermen hanno iniziato a reagire e si sono fatti pericolosi in avanti diverse volte. Ma prima la difesa del Leinster ha resistito sulla linea di meta, poi è riuscita ad impedire a Robbie Diack di schiacciare il pallone.
Pienaar ha avuto la prima possibilità di metter punti sul tabellone solo al 23' ed il sudafricano non ha mancato l'occasione. Prima della fine del tempo altri due piazzati di Sexton ed uno di Pienaar hanno fissato il parziale sul 16 - 6.
Nella ripresa l'Ulster ha continuato come ha terminato il primo tempo, buon gioco ma troppi falli, che al 6' sono costati la pazienza di John Lacey e di conseguenza 10 minuti di riposo forzato a Diack. La superiorità numerica del Leinster è però durato pochi minuti, Nacewa ha infatti raggiunto Diack a bordo campo quando ha fermato una corsa di Paddy Jackson prendendolo per il colletto. Anche in questo caso la decisione di Lacey è stata ineccepibile.
L'Ulster ha messo a segno ancora un paio di piazzati con Pienaar e si è portato a soli 4 punti di distanza dal Leinster.
Quando sembrava che l'inerzia della gara si fosse spostata dalla parte dei bianchi al 23' è arrivata la zampata del campione: al termine di un'azione prolungata Jamie Heaslip ha schiacciato la palla in meta. Nonostante Sexton abbia sbagliato la trasformazione, l'Ulster ha accusato il colpo e non è riuscito a mettere più di tre punti sul tabellone, lasciando così la vittoria al Leinster che può così festeggiare la doppietta Challenge-Celtic e salutare nel migliore dei modi i partenti, su tutti Sexton, che andrà a Parigi a deliziare i tifosi del Racing e Josef Schmidt che sarà alla guida della nazionale verde smeraldo, dove troverà di certo molti dei protagonisti di questa finale di Pro12 tutta di marca irlandese.

Tabellino
Leinster Ulster
Mete Shane Jennings 3'
Jamie Heaslip 63'
   
Transformazioni Jonathan Sexton 1/2
Calci Piazzati Jonathan Sexton 4/5 Ruan Pienaar 6/6
Scrito da Diego Ghirardi Il 5/27/2013 09:02:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog