domenica 18 agosto 2013

Barabba stecca la prima

Robbie Deans starà sorridendo amaro dopo che il suo successore da molti acclamato come il salvatore della Patria ha fallito miseramente all'esordio contro i cugini al di là del fosso.
La colpa principale di Barabba è quella di aver voluto far giocare come i Reds una coppia di ricevitori abituata a tutt'altri schemi e ciò ha fruttato una cerniera di centrocampo imbarazzante e due ali che per gran parte della gara hanno aspettato invano di ricevere un pallone. Con il tempo arriverà l'affiatamento, ma un allenatore esperto dovrebbe saperlo ed agire di conseguenza.
Gli all blacks hanno sfruttato a dovere ogni incomprensione tra gli inesperti wallabies, hanno cinicamente fatto a pezzi la difesa australiana ogni volta che ne hanno avuto l'occasione, Richie McCaw ha recuperato diversi palloni ed ha attirato su di se due o tre avversari alla volta, liberando così spazio per Smith e Cruden in mischia aperta.
Dall'altra parte i wallabies hanno dimostrato di avere le possibilità di migliorare, ma gli sprazzi di buon gioco sono stati attorniati da momenti di follia rugbistica. Per l'Australia non hanno funzionato i backs.
L'inesperienza a giocare a questi livelli è stata fatale al trio dei Brumbies Toomua, Leali'ifano e Mogg e a Folau, in quattro non fanno dieci presenze. Genia non si discute come migliore mediano di mischia al mondo, la sua meta è stata un capolavoro di velocità, ma non conosce né Toomua né Leali'ifano, e l'intesa è stata disastrosa. O'Connor non è un'ala e lo ha dimostrato in maniera evidente, sul suo lato sono arrivate troppe mete per gli avversari perché lui è andato a coprire al centro sovrapponendosi ad Ashley Cooper e lasciando il corridoio scoperto.
Stendo un velo pietoso sugli inguardabili venti minuti di Quade l'inutile.
Per gli all blacks difficile scegliere il migliore in campo, detto del gran gioco di McCaw, ma oramai non fa più notizia, segnali molto positivi da Aaron Cruden, che è stato una spina nel fianco fin quando è rimasto in campo, Ben Smith si è fatto trovare sempre al posto giusto nel momento giusto e le sue tre mete sono una testimonianza del suo splendido opportunismo.
Una nota per la nuova mischia: decisamente funziona ed ha favorito i wallabies, che hanno perso la serie contro i Lions anche per via della mischia. Gasparri è stato molto pignolo sull'introduzione, pur mancando di coerenza in alcune scelte, ed ha punito  entrambe le squadre per introduzione storta. Forse un po' troppo fiscale, ma tecnicamente corretto, come sempre.
Scrito da Diego Ghirardi Il 8/18/2013 10:07:00 AM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog