domenica 23 febbraio 2014

L'Italia gioca solo nel primo tempo e fallisce la partita che doveva assolutamente vincere.

A ogni livello non si può giocare un solo tempo e l'Italia è stata giustamente punita dalla Scozia per aver smesso di giocare nella ripresa.
E dire che la partita si era messa sui binari giusti per gli azzurri, autori di un buon primo tempo, dove hanno dominato possesso e territorio, sfruttato la superiorità in mischia ordinata e l'interpretazione della mischia aperta di Walsh.
Dopo un inizio lacustre soprattutto in touch, l'Italia ha iniziato a vedere il possesso del pallone al 10' e è fatta subito pericolosa, la meta sarebbe potuta arrivare con la difesa scozzese alle corde, ma gli azzurri si sono dovuti accontentare di prendere i tre punti con Allan dalla piazzola.
Il pareggio scozzese al 23' dal piede di Laidlaw dura fino al 32' quando Allan concretizza la superiorità italiana con un altro calcio piazzato e poi allo scadere va in meta sotto i pali.
Ma le luci si sono spente lì, certo merito anche di una Scozia molto più determinata nella ripresa, ma l'Italia è stata colpevole di voler gestire il vantaggio fino a che non è stata sorpassata dagli ospiti, a quel punto ha rimesso il piede sull'acceleratore, ma l'inerzia della partita era oramai ben in mano della Scozia che si è rifatta sotto per andare a portare a casa la vittoria.
La ripresa è stata infatti dominata dalla Scozia che ha prima accorciato con un piazzato di Laidlaw, ha poi segnando la propria prima meta del torneo con Dunbar libero a destra, e ha poi raddoppiato al 28' dopo un buco al centro.
Il vantaggio scozzese ha svegliato l'Italia che ha ripreso a giocare per un attimo, è andata in meta con Furno di potenza dopo che Sarto aveva percorso una ventina di metri al centro, ma non è stata in grado di gestire i due punti di vantaggio.
Il drop di Weir allo scadere ha dato la meritata vittoria agli ospiti.
La mischia azzurra ha dominato gli avversari e Walsh ha riconosciuto tale vantaggio punendo gli scozzesi in più occasioni. Johnston ha provato a ricorrere ai ripari operando un paio di sostituzioni tecniche ad inizio ripresa che hanno dato l'effetto sperato, infatti gli ospiti hanno vinto le prime due mischie del secondo tempo e hanno poi limitato i danni.
Discreta la prova dell'italo-scozzese Allan, che avrebbe potuto giocare questa partita con entrambe le maglie, autore di tutti i punti azzurri fino a che è rimasto in campo, ma che deve ancora lavorare sulla propria difesa, la seconda meta scozzese è infatti arrivata su un suo buco in placcaggio.
Scrito da Diego Ghirardi Il 2/23/2014 06:15:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog