venerdì 21 febbraio 2014

Un disastro dalla piazzola costa caro ai Crusaders contro i concreti Chiefs

I Chiefs tengono molto bene in difesa e sfruttano tutte le occasioni a disposizione contro i Crusaders spreconi ed imprecisi non in grado di trasformare in punti il possesso palla ed il territorio.

Dopo un'iniziale fase di studio sono gli ospiti ad andare per primi in meta al 10' minuto: l'ex di turno Robbie Fruean rompe un paio di placcaggi e va in meta stile Jona Lohmu prima asfaltando Bleyendaal e poi sfuggendo a Carter. Aaron Cruden sbaglia la trasformazione, 0 - 5
I Chiefs concedono subito un fallo con Marshall che fa ostruzione sul calcio di ripresa del gioco, ma Bleyendaal è ancora scosso dalla botta subita e sbaglia il calcio. I Chiefs continuano a fare errori veniali sul conseguente calcio dai 22 si fanno trovare in fuori gioco dando la mischia ai Crusaders e si fanno penalizzare per non rilasciare il giocatore a terra subito dopo, Bleyendaal sbaglia però il piazzato. Al 23' ed al 33'concedono altre due punizioni ai Crusaders da posizione centrale, Bleyendaal non è in serata e sbaglia in entrambe le occasioni. Quattro calci relativamente semplici che avrebbero potuto tranquillamente dare il vantaggio ai Crusaders ma che invece vedono i Chiefs ancora in controllo del tabellone.
I Crusaders sono nervosi e Bird si fa mandare dal Pollock sulla panchina dei cattivi per un fallo e da ai Chiefs una touch da posizione favorevole a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Per sua fortuna i compagni di squadra recuperano palla e rimandano i Chiefs indietro di 30 metri.
Ma i Chiefs approfittano della superiorità numerica, Cruden trova il buco nella difesa avversaria e Tim Perry lo ferma per il colletto, fino all'anno scorso sarebbe stato regolare, dal 2014 è però considerato un fallo e Cruden aggiunge comodamente tre punti al bottino dei Chiefs prima dello scadere del tempo.
A tempo scaduto Bleyendaal ha a disposizione un'altra possibilità di andare a segno dalla piazzola, mentre Ben Tameifuna va a fare compagnia a Bird a bordo campo, ancora una volta il suo calcio va fuori, 0/5 non è certo il bottino che Blackadder si aspetta da lui e Tom Taylor lo sostituisce nel secondo tempo, la giovane apertura deve scrollassi di dosso il fantasma di Dan Carter al più presto.

I Chiefs ad inizio ripresa avrebbero potuto dare un colpo quasi decisivo ai Crusaders con un'azione alla mano partita dai propri 22, ma Cruden perde il pallone sul placcaggio di McNicholl a pochi centimetri dalla linea di meta e si devono accontentare qualche minuto dopo di 3 punti quando George Whitelock commette un fallo sulla linea di meta per fermare una possibile meta. Bird era appena rientrato in campo ma il giallo a George Whitelock lascia ancora i Crusaders in 14.
Il fratello Sam riscatta però l'onore della famiglia andando a segnare una meta di potenza su touch dopo essere sfuggito a Fitzgerald. Taylor non sbaglia la trasformazione per la gioia dei tifosi di casa e i Crusaders, sul momento migliore dei Chiefs, sono di nuovo in partita.
La meta sposta completamente l'inerzia dalla parte dei Crusaders che, complici un paio di infortuni per i Chiefs prendono il controllo della gara.
Al 15' ed al 20' Taylor sbaglia due piazzati e i tifosi dell'AMI Stadium iniziano a perdere la pazienza dopo aver visto 21 punti probabili andare in fumo.
Fluffy decide che non è il caso di andare nuovamente a cercare i tre punti e sui due falli successivi decide di far calciare per la touch, scelta che si dimostra però ancora poco fruttuosa, infatti la difesa dei Chiefs è monumentale e non concede un centimetro ai padroni di casa.
Taylor a sei minuti dalla fine mette dentro finalmente un piazzato, da posizione dalla quale l'80% degli spettatori avrebbero segnato, e da così il la ad un finale emozionante con gli ospiti in vantaggio di un solo punto ma pronti a sfruttare un intercetto con il "Mako" James Lowe che percorre 70 metri in solitario per andare a fare il saluto dello squalo in area di meta. Cruden mette dentro la trasformazione da posizione molto angolata e gli ospiti non lasciano nemmeno un punto bonus ai Crusaders.
James Lowe festeggia la sua prima meta in Superugby - screenshot foxsport


Migliore in campo: Aaron Cruden

La partita di Muliaina è terminata poco prima del termine del primo tempo per un infortunio alla gomito, che però non dovrebbe tenerlo fuori a lungo. Retallick e Afeaki lasciano il campo al 20' della ripresa dopo aver fatto a chi ha la testa più dura su un placcaggio.
Scrito da Diego Ghirardi Il 2/21/2014 07:37:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog