giovedì 25 settembre 2014

Nell'anticipo del Giovedì all'AAMI Park di Melbourne i Rising mettono sotto anche i Vikings 

Il dominio dei Rising sull'NRC continua con un'altra vittoria con bonus, ma la prova della squadra di Melbourne è stata meno convincente del solito. Dopo i primi 25' dove i Rising hanno imbarazzato gli ospiti con un dominio incontrastato soprattutto sui giochi da fermo dove i Rising hanno avuto un chiaro vantaggio, i padroni di casa hanno lasciato l'iniziativa agli ospiti fino agli ultimi dieci minuti di gara, dove hanno segnato la quinta meta che ha dato loro il punto bonus.

La cronaca:

Prima meta dopo soli 2' di Debreczeni che trova il buco giusto tra la difesa ospite dopo aver conquistato il vantaggio territoriale con un preciso grubber.

Al 10' prima uscita al di la della propria metà campo per i Vikings grazie a un calcio molto preciso di Jessie Mogg. Ma sugli sviluppi della rimessa laterale Mitch Inman trova una prateria davanti a se e ancora Debreczeni trova lo spazio giusto per lanciare Telusa Veainu in meta, 16-0 al 13'.
Il dominio dei Rising prosegue e la terza meta arriva prima del quarto di gioco, questa volta è il pilone Alo-Emile a schiacciare in meta al culmine di un'azione corale degli avanti.
Finalmente i Vikings si fanno vedere dalle parti della linea di meta dei Rising e dopo essersi scontrati contro la difesa dei padroni di casa i Vikings trovano alla mezz'ora finalmente il varco giusto con Robbie Coleman, incluso all'ultimo minuto nel XV titolare all'ala sinistra. Mogg trasforma da posizione difficile e accorcia le distanze a 26-8.
I Vikings prendono coraggio e spingono sul l'acceleratore ma da qui alla fine del primo tempo non succede più nulla, gli attacchi si scontrano sulla rocciosa difesa dei Rising.

La ripresa si apre come si era chiusa la prima frazione, con i Vikings sterilmente in possesso del pallone ma mai realmente incisivi. In due occasioni un passaggio in avanti ferma Veainu lanciato in contropiede.
I Rising resistono bene anche in inferiorità numerica dopo che Nic Stirzaker si è fatto rimediare un cartellino giallo per aver calciato via il pallone dopo il fischio dell'arbitro.
L'inferiorità numerica prosegue dopo che Cadeyrn Neville commette un fallo di mestiere a ridosso della propria linea di meta.
I Vikings passano finalmente al 29' con Jerome Niumata che va a schiacciare quasi indisturbato dopo una touch battuta veloce.
La meta scuote i padroni di casa che si riportano subito in avanti per mantenere le tre mete di vantaggio che garantiscono il punto bonus.
Alla mezz'ora entrambi gli "italiani" in campo con Lloyd Johansson che si unisce a Joe Kamana entrando al posto di Rennie Luatolo-Molimau.
Luke Burgess con un controllo al limite dell'impossiblie porta i Rising in meta per la quinta volta allo scadere e assicura così il sesto bonus point su sei gare.

Il Tabellino:

Melbourne Rising 34 (26):
Mete: Debreczeni 2', Veainu12', Alo-Emile19', Inman 25', Burgess 79'
Trasformazioni: Debreczeni 3/5

University of Canberra Vikings 13 (8):
Mete: Coleman 29' Niumata 69'
Trasformazioni: Mogg 1/2
Scrito da Diego Ghirardi Il 9/25/2014 08:18:00 PM Nessun commento

0 comments:

Posta un commento

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Pagine22metri

Etichette

Archivio blog

Pagine di 22 metri

Pagine di 22 metri
Più informazioni sui campionati locali di: Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Stati Uniti

Il mio blog in Inglese

Il mio blog in Inglese
Alcuni post in inglese

    Stats

    visite

    paperblog